I platform

Di piattaforma in piattaforma

I platform sono stati probabilmente il genere piú in voga in sala giochi negli anni 80: tanti livelli posti uno sopra all'altro, e il compito del giocatore é ovviamente quello di arrivare in cima, in genere per salvare una fanciulla rapita, ma a volte anche dei piccoli canguri, evitando scale pericolanti e oggetti vari che piovono dall'alto, scagliati dal cattivo di turno.

Super Mario

Il mitico idraulico di origine italiana

La prima, vera superstar del mondo dei videogiochi, quasi 20 anni prima di Lara Croft, con molti meno pixel nei punti critici, ma molta simpatia in piú. Mario é l'unico idraulico della Terra che arriva prontamente quando c'é bisogno di lui, e con le sue tremende capocciate si tira fuori dalle situazioni piú spinose, sempre pronto a fare fuori quelle tremende tartarughe giganti che vorrebbero fargli la festa. Primo episodio di una saga infinita e fortunatissima, che vedrá poi la comparsa anche del fratello Luigi e del cattivo alter-ego Wario, diventando molto piú adventure di questo episodio. Fattore anni 80: 9,5

Donkey Kong

Donkey Kong, barili, scale e guai

Un altro straordinario successo degli anni 80: un omino in tuta da idraulico (dove l'ho rivisto?) si lancia contro barili, fiamme, trappole e scale, armato solo del proprio coraggio e ogni tanto di una mazza, per salvare la propria bella, prigioniera del feroce gorilla Donkey Kong..Azione e giocabilitá allo stato puro, per quest'altro capolavoro del genere piattaforme. Fattore anni 80: 9

Kangaroo

La super mamma canguro alla liberazioni dei suoi cuccioli

Delle dispettosissime scimmie hanno rapito i piccoli di mamma canguro, ma non hanno fatto i conti con le abilità pugilistiche dell'arrabbiata madre, che a suon di cartoni reclama il ritorno dei figlioli, incurante di torsoli di mela e angurie che le piovono in testa. Gameplay al 110%. Fattore anni 80: 9

City connection

City connection, dipingiamo il mondo di colori

Un platform inusuale: su una specie di Y10, dovete verniciare le grigie traversine di acciaio che ricoprono molte città del mondo, evitando le varie polizie locali, contro le cui macchine si possono scagliare latte d'olio per farle scivolare e poi colpire, e stando soprattutto molto attenti a degli odiosi gatti, che non si possono investire, pena la perdita di una vita, e che hanno il vizio di sbucare fuori nei momenti piú impensati. Unica ancora di salvezza, collezionare i palloncini rossi che ogni tanto compaiono e che vi catapultano in altre parti del mondo.
Fattore anni 80: 8,5

Popeye

Popeye, Bruto e Olivia nella conversione del mitico cartone

Il rissoso, irascibile, carissimo Braccio di ferro sbarca in sala giochi, e ovviamente volano mazzate, con Bruto che ha rapito la petulante Olivia e il mitico marinaio che si lancia alla riconquista della bella (?), con il solito indispensabile aiuto degli spinaci, e stavolta anche dei baci della compagna. Una specie di Donkey Kong, con il cattivo molto piú partecipe all'azione. Fattore anni 80: 8

Burger time

Preparate i panini, il cuoco sta arrivando

Un cuoco, con tanto di cappello, deve preparare degli hamburger arrampicandosi sui vari livelli della cucina, mentre uova al tegamino e wurstel, poco contenti di far parte del panino, lo rincorrono e cercano di fargli fare una brutta fine. Ma con una spruzzata di pepe, il cuoco li rimetterà a posto..Al limite del sogno acido, con gli ingredienti che si animano, e molto poco igienico (per mettere gli ingredienti sul panino bisogna camminarci sopra..), ma molto, molto divertente. Fattore anni 80: 8

I generi dei videogiochi